Cicchitto come Giovanardi: Rignano Flaminio e le suggestioni collettive

 29-06-10
PEDOFILIA: CICCHITTO, PAPA CORRESPONSABILE? E’ AVVIO CACCIA A STREGHE
 
(ASCA) – Roma, 29 giu – ”Non sappiamo quanto siano vere e precise le notizie di oggi secondo le quali negli USA, nell’alta Corte di giustizia, si affermerebbe la tendenza a considerare la Chiesa e il Papa corresponsabili dei reati di pedofilia di singoli preti. Siamo invece fermamente convinti della fondatezza del principio secondo il quale la responsabilita’ penale e’ personale: nel caso della pedofilia cio’ puo’ valere per i singoli preti e puo’ eventualmente essere estesa a chi nella gerarchia li ha protetti ma non puo’ estendersi a tutta la chiesa fino al Papa”. Lo afferma in una nota il presidente dei deputati del Pdl Fabrizio Cicchitto spiegando che ”si tratterebbe di uno di quei reati ”associativi” assai pericolosi che, nel nostro caso, avrebbero il significato dell’apertura di una caccia alle streghe, di una persecuzione contro la Chiesa in quanto tale.Proprio da laici siamo contro la storica inquisizione clericale, ma anche contro l’attuale inquisizione anticlericale”.La pedofilia, sottolinea Cicchitto, ”e’ un reato orribile e schifoso ma ci auguriamo che le indagini siano sempre scrupolose, fondate su prove e non su suggestioni collettive (come nel caso di Rignano Flaminio) e comunque l’unilateralita’ del loro indirizzo contro la chiesa e i preti non ci convince affatto. Il fenomeno della pedofilia e’ molto vasto. C’e’ uno strano silenzio sulla pedofilia in Thailandia e sul turismo sessuale con questo obiettivo in quel paese. I moralisti e i giustizialisti unilaterali e ideologici – conclude – non ci convincono affatto: sono la moderna versione sul piano culturale e giudiziario dei nazisti e dei comunisti staliniani”.

Ormai ho imparato a non stupirmi più di nulla!! In questi anni l’On Giovanardi si è lasciato andare in un crescendo di dichiarazioni ed azioni riguardo agli abusi di Rignano Flaminio al limite dell’incredibile, attaccando inquirenti, magistrati, in barba a riscontri, perizie, migliaia di pagine di atti  e quant’altro . Da cittadina italiana mi sarei aspettata che qualcuno facesse riflettere il Sottosegretario alla Famiglia (un incarico ad hoc!!) sui propri atteggiamenti, invitandolo ad assumerne di più consoni alla carica istituzionale che riveste, ma nulla, l’Onorevole ha continuato imperterrito a dare il meglio di sé.  Adesso anche il Capogruppo PDL alla Camera ricalca il Giovanardi-pensiero e parlando dello scandalo Pedofilia in Vaticano, ha pensato bene di dichiarare: “La pedofilia e’ un reato orribile e schifoso ma ci auguriamo che le indagini siano sempre scrupolose, fondate su prove e non su suggestioni collettive (come nel caso di Rignano Flaminio) ….”

Suggestioni collettive? Certo. L’Onorevole Cicchitto forse non sa di incidenti probatori, abitazioni descritte MINUZIOSAMENTE e poi effettivamente trovate, di tre anni di indagini, 7 dico SETTE UDIENZE PRELIMINARI, tabulati telefonici, benzodiazepine, e di TANTO, TROPPO, DOLORE. E di un processo, già iniziato, che vede le prossime due udienze fissate per il 22 ed il 29 settembre p.v.  Al processo si è arrivati dopo che un pubblico ministero ha chiesto ed ottenuto ad un giudice per le indagini perliminari il rinvio a giudizio di 5 dei 7 imputati, e poi ancora, un giudice per l’udienza preliminare, dopo 7 udienze ed ore e ore di dibattimento, ha ritenuto che ci fossero motivi ed indizi sufficienti per arrivare a processare gli imputati. Tutti vittime di “SUGGESTIONI COLLETTIVE”? Magistrati, inquirenti, psicologi, neuropsichiatri, bambini, genitori……

Consiglio pertanto all’ Onorevole Cicchitto di informarsi se proprio vuole o deve rilasciare dichiarazioni su Rignano Flaminio, dove parliamo di bambini che all’epoca avevano tre anni, e non di allegre serate trascorse con escort o trans!!!!!

Se questa è la classe politica che ha in mano il nostro triste presente e l’incerto futuro, temo dovremo emigrare tutti. Gente a cui preme più apparire tanto per, piuttosto che leggere ed informarsi prima di aprire bocca. Persone che parlano con leggerezza di fatti che hanno costituito un dramma per tanti bambini e le loro famiglia, dimostrando la più totale mancanza di rispetto della dignità umana, persone che si sentono “infastidite” (mi chiedo poi perchè) da magistrati ed inquirenti che fanno semplicemente il loro lavoro nel rispetto della Costituzione. Credo però che la misura sia colma, e che in molti stiano giocando col fuoco. Date le condizioni “meterologiche”, credo farebbero bene a smetterla prima che divampi un irrimediabile incendio.