PEDOFILIA A VALLO DELLA LUCANIA: FIOCCANO LE CONDANNE!


Quella di giovedì scorso sugli abusi ai bimbi della scuola materna di Vallo della Lucania è una sentenza importantissima, quasi epocale. Troppo spesso infatti nel nostro Paese casi di pedofilia, soprattutto organizzata e cioè casi che hanno visto più imputati accusati di abusi o molestie protratte nel tempo a carico di molteplici piccole“ vittime, sono giunti ad un nulla di fatto. Vizi di forma, indagini lacunose per mancanza di esperienza, uomini o mezzi, e difese a spada tratta degli accusati da parte di personaggi potenti ed organizzati, troppo spesso sempre gli stessi. Non esiste ancora un protocollo di ascolto del minore che renda le testimonianze blindate alle solite eccezioni ed agli innumerevoli attacchi degli avvocati della difesa. Come pure manca una unità speciale, magari interforze, che possa intervenire ed indagare con personale altamente specializzato e mezzi adeguati. Molto spesso in casi del genere ci troviamo di fronte a vittime in di tre-quattro anni, che hanno quindi ovviamente difficoltà a collocare gli avvenimenti a livello spazio-temporale. Ed i lupi cattivi lo sanno e ne approfittano. E ad un giro d’affari- quello della pedopornografia- che è secondo solo a quello del traffico d’armi, a pari livello dei proventi derivanti dal traffico di droga. Ma giovedì scorso a Vallo della Lucania, un paese di meno di novemila abitanti a quasi novanta chilometri da Salerno è andata in maniera diversa: “papà, mamma…loro hanno il colore del cuore uguale all’abito che indossano!!!”Con queste parole uno dei piccoli di Vallo della Lucania ha accolto la notizia che dopo sei anni di calvario gli esseri (umani?) che tanto lo avevano oltraggiato e ferito erano state condannati.Che i giudici avevano creduto a lui ed ai suo piccoli compagni di sventura e così facendo restituito un po’ di dignità e di pace a loro ed alle loro famiglie. Condannata ad 8 anni Suor Soledad, la novizia peruviana accusata di aver abusato sessualmente nel 2006 di circa 30 bambini tra i tre ed i quattro anni, che frequentavano la scuola materna dell’istituto religioso Santa Teresa di Vallo della Lucania. 16 mesi di reclusione invece per le due consorelle, suor Romana e suor Agnese, condannate per favoreggiamento personale. Un terzo imputato, è stato assolto invece con formula dubitativa (esistono quindi elementi a suo carico ma non sufficienti a condannarlo), mentre un quarto uomo è stato assolto con formula piena.

La sentenza è di primo grado, ed il cammino ancora lungo dunque, ma è innegabile che negli ultimi anni molto è cambiato e si sta facendo nel contrasto alla pedofilia, anche le ammissioni di responsabilità da parte della Santa Sede, quandanche fossero obtorto collo, ne è la riprova.

Speriamo che la sentenza di Vallo sia solo l’inizio. E che i giudici che si occupano di casi così “scottanti”, trovino sempre il coraggio di decidere secondo coscienza e non per le pressioni di questo o quel potente di turno.

Annunci

7 Risposte to “PEDOFILIA A VALLO DELLA LUCANIA: FIOCCANO LE CONDANNE!”

  1. Roberto Says:

    Questo lascia ben sperare! E’ un sostegno psicologico per tutti quanti devono ancora andare avanti e non mollare.
    Ed è anche di esempio per tutti quanti pensavano ancora di restare impuniti…
    Forza!

  2. Anonimo Says:

    …grazie arianna, hai toccato particolari di questo caso che, si accomunano a tanti altri, troppi purtroppo!!!…chi prende coscienza di questo male, chi soffre questo male, non può non condividere quanto hai scritto, non può non immedesimarsi!!!…da nord a sud di questo paese la metodologia dell’abusante è sempre la stessa!!!…le difese degli abusanti sono sempre le stesse!!!…i personaggi sono sempre gli stessi!!!…come lo stato di abbandono di una vittima è sempre lo stesso!!!…la mancanza di un’unità speciale (io la chiamo “protezione civile dell’abusato”) è una grave mancanza in questo paese!!!…una mancanza che aiuta ad alimentare il potere!!!…spero che questo piccolo passo in avanti, con la sentenza emessa qui da vallo, possa servire ad ostacolare la ramificazione di questo male!!!…spero possa restituire un pizzico di rispetto non solo ai bambini di vallo, ma a tutti i bimbi e rispettive famiglie che prima di noi hanno compiuto questo “percorso”, a quelli che purtroppo saranno costretti a doverlo fare!!!…un abbraccio

    • ariannadibiagio Says:

      Come hai ragione. La metodologia è sempre la stessa, in Italia come all’estero, proprio perchè è tutto studiato e “collaudato”.La sentenza di Vallo segna un precedente importante in relazione alla credibilità dei minori (nonostante sentenze di Cassazione e molteplici studi di psicologi e neuropsichiatri che sottolineano proprio l’incapacità del minore in età prescolare a raccontare menzogne particolareggiate ed a ripeterle anche a distanza di tempo, infatti che, chi continua a voler fare credere che i bimbi vivano di fantasie e vagheggiamenti….). Come dicevo il percorso di contrasto alla lobby pedofila è iniziato, e non ci fermeremo. Un abbraccio forte a te, ed a tutti coloro che come noi sanno e lottano. Un saluto ed un pensiero alla mia amica Maria Pia che da anni, prigioniera in Italia, aspetta di poter riabbracciare le sue due bambine (anche grazie al non intervento o alla malsana scelta dell’ex Ministro Mastella che le ha restituite al Belgio-Paese in tal senso tristemente noto- ed alle sue ombre) e della cui sorte nulla sa. Una carezza e un abbraccio da togliere il fiato a tutti i bimbi che hanno subito, subiscono e subiranno. Noi non li lasceremo mai soli.

  3. Anonimo Says:

    grazie arianna, di cuore,sono tanti gli abusi che si perpetrano sui bambini non solo sessuali purtroppo il nostro è un mondo che si è venduto non riesco ancora a capire per che cosa.sei un raggio di sole
    sergio serva
    palinuro

    • ariannadibiagio Says:

      Sono io che ringrazio te, Sergio. Essere paragonata ad un raggio di sole mi emoziona, perchè evidentemente vuol dire che quel poco che ho potuto fare finora è arrivato al cuore di persone pulite come te. E spero che tanti piccoli raggi di sole possano squarciare l’oscurità dei tanti che come dici si sono venduti, io temo alle tenebre, alla ricerca di una vita forse più facile, schierati a fianco dei potenti, sempre genuflessi, pronti a rinnegare chiunque e qualunque cosa, anche se stessi. I bambini troppo spesso purtroppo sono facili prede, in una società tutta ripiegata su se stessa, dedita solo all’arricchimento personale,che non li tutela affatto e non supporta neppure le famiglie nel tutelarli. Il cammino è lungo, ma è iniziato. Spero di risentirti. A presto e un abbraccio.

  4. Carlotta Dafne Says:

    Cara Arianna,
    ho letto con grande interesse quanto hai scritto e sono assolutamente d’accordo con te quando dici: “…speriamo che la sentenza di Vallo sia solo l’inizio…”, pertanto, volevo condividere un articolo che ho letto qualche giorno fa sul tema della pedofilia. Tu sei a conoscenza di UN’AGENZIA EUROPEA CONTRO SEX OFFENDER E PEDOFILI? Sinceramente spero che la cosa abbia effettivamente avuto un seguito…

    http://www.cnditalia.it/2009/09/25/tiziano-motti-chiede-unagenzia-europea-contro-sex-offender-e-pedofili/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: