Che tristezza infinita.


giappone-nagasaki-fiore-desolazione-jpg-crop_display

Che tristezza infinita.

Quanto successo a seguito della morte di Erich Priebke è a mio parere a dir poco vergognoso, sotto molteplici aspetti. Ed avvilente.

Qualcuno dice che tanto clamore sia servito e serva a distogliere l’attenzione degli italiani dalla legge di stabilità, da un governo e da un parlamento che continuano a non agire nel senso dello sviluppo, ormai terribilmente necessario al nostro Paese in ginocchio. E’ anche possibile.

Ma resta il fatto che  quanto avvenuto nei giorni scorsi è veramente grottesco ed inaccettabile, e si è sbagliato tutto quanto si poteva sbagliare.

Innanzitutto il fatto che l’Italia, pur conoscendo bene l’età Erich Priebke (condannato all’ergastolo dalla Corte d’Appello Militare nel 1998 per la strage delle Fosse Ardeatine, ma detenuto agli arresti domiciliari per motivi di salute e di età), non abbia preso per tempo accordi chiari con la famiglia dell’ex ufficiale nazista e con la Germania, in vista di un suo possibile decesso. Priebke era in Italia in quanto stava scontando una condanna e non per turismo.

Assurdo che una persona che si è resa responsabile di atti così feroci e crudeli nei confronti di tanti essere umani, per giunta nostri connazionali, debba veder celebrato il proprio funerale o addirittura- come si era paventato nei giorni scorsi- essere tumulato su suolo italiano, e non nel suo Paese natale, la Germania appunto.

Secondo fatto incredibile, irrispettoso delle istituzioni e delle persone e gestito in maniera pessima, la scelta del Prefetto Pecoraro- che secondo il mio modestissimo parere farebbe bene a dimettersi- di autorizzare lo svolgimento del rito funebre nel Comune di Albano senza nemmeno degnarsi di avvisare il Sindaco della cittadina laziale, che- come ha dichiarato alla stampa- è stato informato dai giornalisti di quanto stava per avvenire ad Albano stesso. E quando il primo cittadino di Albano Nicola Marini, non avendo la facoltà di impedire i funerali poiché si sarebbero svolti in un’area privata, ha emesso un’ordinanza per impedire il transito del feretro nel territorio di sua competenza, il prefetto Pecoraro ha pensato bene di annullare l’ordinanza di Marini. “Sono senza parole.  “E’ un insulto alla città di Albano, medaglia d’argento per il valore nella Resistenza” – ha commentato  Marini –“ ci siamo opposti con ogni mezzo possibile, anche perché non ci è mai arrivata nessuna comunicazione ufficiale dell’arrivo della salma”

E a proposito di medaglia d’argento per il valore nella Resistenza, lasciatemi dire che trovo tristemente bizzarra quella conferita nel 1951 per gli stessi motivi, a Rosario Bencivenga. Se Bencivenga ed i suoi compagni, si fossero assunti la responsabilità dell’attentato di Via Rasella, i nazisti non avrebbero sterminato per rappresaglia 335 innocenti nella strage delle Fosse Ardeatine. Ma di Salvo d’Acquisto per nostra sfortuna, ce ne sono davvero pochi.

Cosa è successo dopo l’arrivo della salma di Priebke presso l’istituto religioso dei padri lefebvriani, lo sappiamo bene.

Il prefetto Pecoraro  che non è stato in grado di mantenere l’ordine pubblico. I funerali che sono stati annullati . Le immagini di chi, vigliaccamente, ha tentato di prendersela con un cadavere. Seppur di un criminale. E quelle di chi, dichiarandosi di estrema destra, si è recato ad Albano per inneggiare e rendere omaggio alla salma dell’ex ss. Chi inneggia ad un nazista è un nazista. Che evidentemente si sente di condividere la ferocia e la follia di quello che è stato concetto stesso di nazismo. Di chi- altro che razza ariana- sentendosi probabilmente inferiore, ha cercato di sterminare tutti coloro che avvertiva come avversario per rimanere di fatto unico superstite e quindi gioco forza prevalente. Follia. Malattia mentale. Crudeltà demoniaca. Altro che ideologia. La forza dei secondi che possono prevalere solo distruggendo l’avversario, incapaci di misurarsi con lui.

Nulla, ma proprio nulla a che vedere con l’essere di destra. O di sinistra. La destra, quella sociale, sana, ha sempre messo l’uomo al centro. Come priorità. Istruzione, salute,sport, famiglia, lavoro. Che tristezza questi giovinastri che si dichiarano di destra, ma dimostrano di non sapere affatto cosa sia stata e sia la vera destra italiana. Quella che ha costruito l’Eur con i suoi monumenti, ha previsto l’assistenza sociale per tutti,  il diritto allo studio, allo sport. Quella che ha bonificato l’agro pontino, costruito ospedali, strade e scuole di cui tutt’oggi beneficiamo.

Cos’altro dire? Che tristezza infinita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: